La morte è solo l’inizio – Parte 8

Continua la narrazione della Campagna per 7th Sea giocata dalla Compagnia della Birra, se vi siete persi il capitolo precedente di questa avventura potete trovarlo QUI

Se invece volete leggere questa avventura dall’inizio vi conviene iniziare da QUI

Dopo una notte di riposo e grazie alle cure miracolose del Dottore tutti si rimettono in forze. Altri marinai si presentano all’appello per essere reclutati e l”equipaggio della futura nave è praticamente completo, con una spesa inferiore alle aspettative.

I nostri eroi, insieme al cuoco che nel frattempo è stato rilasciato, vengono convocati dal Vice Comandante per fare rapporto. Ad aspettarli c’è anche un Capitano di un mercantile particolarmente danneggiato dai furti che dona al Quartiermastro un prezioso cannocchiale. Il Vice Comandante si offre di mettere una buona parola per il varo della nave sotto la bandiera di Castille e per l’assegnazione di una lettera di corsa. Per agevolare l’imminente missione a caccia di Coboldi, dietro richiesta, consegna all’equipaggio 5 moschetti di buona fattura.

Tutto è pronto per la missione, ma il Quartiermastro i cui abiti oramai sono logori decide di acquistare “nuove” vesti, usate ma tenute bene.

Gli eroi finalmente salgono a bordo del peschereccio del Charro e si dirigono presso l’isoletta dimora delle orrende creature la quale si presenta più ampia del previsto, con una piccola foresta dalla quale proviene del fumo e una montagna.

L’approdo avviene forzatamente nell’unica spiaggia accessibile dell’isola dove ci sono anche delle rudimentali zattere con i quali i mostri si recano in terraferma, subito e prontamente distrutte. Gli eroi si inoltrano nella foresta verso il fumo, evitando facilmente delle rudimentali trappole. Giungono quindi in uno spiazzo con alcune tende di pelliccia e scoprono che il fumo proviene da un pozzo provvisto di una piccola scala.

Quatti come dei gatti scendono i pochi pioli e trovano la tribù intenta a spartirsi carne di dubbia provenienza ed a giocare con una testa umana. Subito aprono il fuoco ed hanno facilmente la meglio di questi abomini. Ma come richiesto dal Professore ne catturano uno vivo.

Stanchi ma soddisfatti fanno per tornare alla barca, ma all’improvviso il giorno diventa notte e la luna splende alta nel cielo. Dei rumori provengono nella loro direzione!

Sconcertati dalla situazione si nascondono nel sottobosco, e vedono passare dei piccoli esseri dotati di molteplici arti e luminescenti, il che non fa altro che aumentare la loro inquietudine. Il più grande di loro mormora delle strane litanie ed individua malauguratamente il cuoco, scagliandogli delle bolas.

Il combattimento che segue ha dell’incredibile, una di queste creature è in grado di scagliare dei fulmini sugli eroi! Malgrado questi prodigi la ciurma ha la meglio sui mostri, rivelatisi poi dei Coboldi camuffati con vesti strane e un ignoto muschio luminoso.

Gli eroi finalmente arrivano alla spiaggia con il cadavere dello strano Coboldo e un campione di questo muschio, mentre stanno caricando il tutto a bordo due proiettili sparati da un cecchino appostato sulla montagna colpiscono e feriscono gravemente il Dottore.

Il Quartiermastro, grazie al suo nuovo Cannocchiale, individua un breve bagliore rosso provenire dalla montagna. Il gruppo si inerpica per un sentiero per raggiungere la postazione di tiro ma una volta arrivati trovano solo un copioso schizzo di sangue e nessuna impronta che si allontana. Viene però trovato del minerale altamente infiammabile molto utile.

Il viaggio di ritorno è veloce e senza intoppi, la ciurma incassa la taglia per l’uccisione dei Coboldi nonché un extra donato dal professore per la Cavia ed il cadavere donati.

Dopo qualche giorno l’equipaggio di un mercantile di passaggio dice di aver visto l’Espada De La Muerte trainare la Balena Nera pesantemente danneggiata sulla rotta che porta verso la Capitale di Castille. Il mare intorno all’arcipelago non sarà  più così sicuro fino al loro rientro.

La narrazione continua QUI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il Contenuto di queste pagine è di proprietà della Compagnia della Birra