La morte è solo l’inizio – Parte 9

Continua la narrazione della Campagna per 7th Sea giocata dalla Compagnia della Birra, se vi siete persi il capitolo precedente di questa avventura potete trovarlo QUI

Se invece volete leggere questa avventura dall’inizio vi conviene iniziare da QUI

Mancano oramai solo tre giorni alla partenza della nave ma i problemi non mancano.

Il professore si presenta alla locanda poiché alcuni oggetti del suo laboratorio devono ancora essere trasportati sulla nave. Purtroppo la scienza a Castille non è ben vista e spostare questi strumenti richiede molta discrezione.

I nostri eroi si muovono celermente per risolvere questo problema e si recano a casa del vecchio saggio per farsi un idea del carico. Esso comprende peculiari “vettovaglie” nonché 3 acquari pieni di creature esotiche, un cadavere di coboldo conservato ed un coboldo vivo ma non troppo.

Mentre una parte del gruppo si procura delle casse e inizia a trasportare gli oggetti meno pesanti e più occultabili, altri hanno un interessante conversazione con il cadavere di coboldo il quale si professa fedele di una divinità fatta a sua immagine e somiglianza che gli concedeva grandi miracoli.

Questa conversazione riduce in cenere il cadavere, questi resti vengono messi prontamente sotto conserva poiché tutto è utile durante un viaggio in mare.

Per trasportare gli acquari e la gabbia ci si organizza con il Mastro Carpentiere il quale gentilmente presta un carro alla ciurma e fissa un appuntamento di favore alle 23 per issare a bordo questo carico misterioso.

Il trasporto procede senza intoppi fino al porto dove i due militi del corpo di guardia fermano il carretto per un controllo sommario. L’argento si rivela come al solito il miglior argomento di conversazione dell’isola ed i due guardiani lasciano passare il carretto senza verificare la merce.

Arrivati al bacino di carenaggio, dove riposa la nave, l’esuberanza del Capitano mette però in pericolo la riservatezza del trasporto. Una manovra azzardata fa cadere il barattolo di ceneri di Coboldo fino ai piedi del Mastro Carpentiere. Questi è un po’ dubbioso sul resto del carico ma una prova di coraggio e sangue freddo da parte del Quartiermastro seda ogni dubbio (o quasi).

La narrazione continua QUI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il Contenuto di queste pagine è di proprietà della Compagnia della Birra