L’alfabeto di Gundaar

Continua il recupero dei vecchi documenti tratti dalla Campagna di Girsa per la Compagnia. Oggi leggeremo una vera e propria lezione di Gundaresco, una variante strampalata dell”Adunaico.

Anche se per un umano il termine parlare può sembrare improprio ascoltando il nostro baldo eroe mentre mugugna frasi incomprensibili ai più, vi assicuro che se ascoltato un nano come Gundaar potrebbe stupirvi attraverso quel pozzo di orribili detti popolari e bestialità  che egli riesce a tirar fuori dalla sua lingua così grottesca ma sorvoliamo su questo fattore che taluni potrebbero ritenere importante (come la razza elfica ad esempio) ed andiamo avanti.

Abbiamo appurato che Gundaar ha una lingua che gli permette di socializzare e sa farlo sin troppo bene!!!

Spaccaossa potrebbe parlare per ore delle sue mirabolanti ed incredibili avventure a meno che tu non sia uno di quei tipi geniali (come lo sono i suoi compagni di viaggio) che sanno trovare sempre una scusa che porti lontano Gundaar da ciò che stava dicendo (è questo il segreto per far sì che la smetta di parlare, fargli perdere il filo del discorso, Gundaar non ha una gran memoria!!! Ma non ditelo a nessuno che ve l’ho detto, se lo venisse a sapere per me sarebbe la fine!!!) che quindi ti permetta di salvarti da quel torrente in piena di parole.

Bando alle ciance!!!

Ecco il nostro eroe che si avvicina a noi a passi felpati, vi lascio con lui poiché è l’unico che possa insegnarvi la sua lingua infatti è un miscuglio di nanesco e gundaresco (una sorta di dialetto costruito da Spaccaossa derivato dalla lingua madre a cui lui ha dato un nome, Gundaresco appunto, di cui va molto fiero).

Ora caro visitatore sta a te la scelta, imparare il Gundaresco con Gundaar o visitare altre parti del sito.

Spero di rincontrarti per le lande della Terra di Mezzo come un amico e non come colui che ti ha fatto sprofondare nel baratro della perdizione a causa della lectio Gundarriana . Saluti dall’umile servo del magnificente Gundaar!!!!!

Che guardi???

Rispondi o ti taglio la testa con un solo colpo della mia potente e irresistibile ascia che tanti nemici ha distrutto (Gundaar!) e versato sangue di coloro che non hanno saputo tenere a freno la loro stupida linguaccia nel momento in cui il silenzio era l’unica arma che questi idioti dovevano utilizzare (Gundaar!), quanti me ne sono capitati a tiro di fendente! Non mi credi? Faresti meglio a farlo, adesso siediti piccolo saputello e ascolta potresti imparare qualcosa, è stato come quella volta che (Gundaaaaaaaaaaarrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrr!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!)

Chi m’interrompe?

Chi osa??

Dov’ero rimasto?

Ah si! Vuoi imparare la mia lingua ? Allora vedi d’impegnarti perchè non ho la pazienza di un vecchio nano, io!!!

Quindi Sveglia!

S’inizia!

Lingua comune: Gundaresco : (pronuncia)

A – Eh? Che dici? *

B – Gb

C – Gc

D – Gd

E – Eh? Che dici? *

F – Gf

G – Ggg

H – Ghs

I – Eh? Che dici? *

L – Gll

M – Gmn

N – Gnm

O – Eh? Che dici? *

P – Gp

Q – Gq

R – Gr

S – Gs

T – Gt

U – Eh? Che dici? *

V – Gv

Z – Gz

* le vocali non esistono nel Gundaresco

Hai capito?

Vediamo subito, cosa mi rispondi se ti dico Gbgv gnm gbgrgr?

Sai che ti dico? Esercitati con la canzone del lungo cammino!!!

Ti controllo fannullone e ricordati che i miei pugni possono far male quasi tanto quanto la mia ascia!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il Contenuto di queste pagine è di proprietà della Compagnia della Birra